INFORMATIVA SULL’IMPIEGO DI RISORSE PUBBLICHE

Il Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33, “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche Amministrazioni”, stabilisce l’obbligo di pubblicazione nei siti istituzionali delle pubbliche amministrazioni dei documenti, delle informazioni e dei dati concernenti l’organizzazione e l’attività delle pubbliche amministrazioni, cui corrisponde il diritto di chiunque di accedere ai siti direttamente ed immediatamente, senza autenticazione ed identificazione.

Creditfidi in qualità di gestore di misure agevolative a valere su risorse pubbliche, rientra nell’ambito soggettivo di applicazione del D. Lgs. n. 33/2013 ai sensi dell’art. 2-bis, comma 3, in quanto ente di diritto privato che svolge attività di interesse pubblico così come previsto della Delibera ANAC n. 1134. Di conseguenza è tenuto al rispetto degli adempimenti in materia di trasparenza previsti, limitatamente all’attività di pubblico interesse svolta.

L’obbligo di pubblicazione riguarda tutti gli atti di concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari alle imprese e comunque di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati, di importo superiore a mille euro.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Si elencano le principali fonti normative attraverso le quali vengono concesse le misure agevolative su risorse pubbliche concesse.

RIFERIMENTI NORMATIVI – DOCUMENTI

Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura (L. 108/1996)

Il Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura istituito dall’art. 15 della L.108/1996 è finalizzato a far accedere al credito più agevolmente le imprese e le famiglie in difficoltà economica. Il Fondo è gestito dal Dipartimento del Tesoro tramite i Confidi, le Fondazioni e le Associazioni che, grazie ai contributi del Fondo, riescono ad arrivare su tutto il territorio. Le garanzie prestate favoriscono l’accesso al credito su canali legali prevenendo così l’esclusione finanziaria di soggetti deboli che altrimenti potrebbero rivolgersi agli usurai. L’ammontare del Fondo per la prevenzione del fenomeno dell’usura varia di anno in anno.

Per maggiori dettagli, consultare il sito del MEF: http://www.dt.mef.gov.it/it/attivita_istituzionali/prevenzione_reati_finanziari/anti_usura/

Legge di stabilità 2014 (Art. 1, comma 54, L. 147/2013)

L’art. 1, comma 54, della legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) affida al Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell’economia e finanze, l’adozione di misure volte a favorire i processi di crescita dimensionale e di rafforzamento della solidità patrimoniale dei Confidi. Con Decreto del 03 gennaio 2017 il Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero dell’Economia, finanzia la costituzione presso i Confidi di un apposito fondo rischi che gli stessi utilizzano per concedere nuove garanzie, fino all’80%, alle PMI e i liberi professionisti operativi nel territorio Italiano e che possiedono specifici requisiti.

Creditfidi risulta beneficiario di risorse derivanti dal Fondo Rischi costituito ai sensi della Legge di Stabilità 2014 (art. 1, comma 54, l. 147/2013) per un importo pari a Euro 126.111,40

Per maggiori dettagli, consultare il sito del MISE: https://www.mise.gov.it/index.php/it/incentivi/impresa/misure-per-il-rafforzamento-confidi

L.R. 10/2017 – Bando FI.R.A.

La Fi.R.A., Finanziaria Regionale Abruzzese, ha attivato uno strumento per consentire alle piccole e medie imprese e ai professionisti, con sede legale e/o unità operativa nella Regione Abruzzo, di accrescerne la possibilità di accesso al credito bancario, attraverso la concessione di finanziamenti garantiti da Confidi a prezzi agevolati.

Creditfidi è risultata assegnataria di Euro 301.605,59 da concedere alle imprese che ne faranno richiesta ai sensi del relativo Bando.

Per maggiori dettagli, consultare il sito della Fi.R.A.: http://www.fira.it/bando?id=3666

Ex linea  I.2.2.A del Par Fsc Abruzzo 2007 2013 (Bando Credito è crescita)

La Regione Abruzzo ha attivato uno strumento per consentire alle piccole e medie imprese e ai professionisti, con sede legale e/o unità operativa nella Regione, di accrescerne la possibilità di accesso al credito bancario, attraverso la concessione di finanziamenti garantiti da Confidi a prezzi agevolati.

Creditfidi è risultata assegnataria di Euro 318.552,32 da concedere alle imprese che ne faranno richiesta ai sensi del relativo Bando: 123

ATTI DI CONCESSIONE

Informativa sugli Atti di concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici.

In adempimento degli oneri inerenti la trasparenza previsti a carico degli “enti di diritto privato” di cui all’art. 2-bis, comma 3, D. Lgs. n. 33/2013, limitatamente all’attività di pubblico interesse svolta, nella presente sezione sono pubblicati i dati, le informazioni e i documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi della normativa vigente, nonché i criteri e le modalità ai quali Creditfidi, in ossequio alla suddetta normativa, si attiene per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l’attribuzione di vantaggi economici alle imprese beneficiarie.

Ai sensi dell’art. 26, c. 2, D. Lgs. 33/2013, si riportano di seguito gli “Atti di concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari alle imprese e comunque di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati di importo superiore a mille euro”.

In adempimento degli oneri inerenti la trasparenza previsti, nella presente sezione sono pubblicati i dati, le informazioni e i documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi della normativa vigente.

AGEVOLAZIONI IN CONTO GARANZIA

RIEPILOGO CONCESSIONI ANNO 2018

RIEPILOGO CONCESSIONI ANNO 2019

RIEPILOGO CONCESSIONI ANNO 2020

RIEPILOGO CONCESSIONI ANNO 2021

ACCESSO CIVICO

L’Accesso civico consente a chiunque di accedere a dati, documenti e informazioni delle pubbliche amministrazioni senza necessità di dimostrare un interesse qualificato (Art. 5, D.Lgs. 33/2013) e si distingue tra interesse civico semplice e generalizzato

L’ accesso civico “semplice” (ex comma 1, art. 5, d.lgs. 33/2013 ) riguarda i soli atti, documenti e informazioni nel caso della mancata pubblicazione richiesta.

Allega modulo

L’accesso civico “generalizzato” (ex comma 2, art. 5, d.lgs. 33/2013) è il diritto di accedere ai dati e ai documenti ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione obbligatoria, nel rispetto dei limiti previsti dalla normativa

Allega modulo

Con l’accesso civico semplice o generalizzato si possono richiedere documenti/dati disponibili, identificati o identificabili. Pertanto, nella compilazione della richiesta, si raccomanda di fornire tutti gli elementi utili alla loro identificazione.

La richiesta va sottoscritta con firma digitale direttamente sul file o con firma autografa sulla stampa del modulo, avendo cura di allegare copia di un documento di identità.

Alla richiesta va allegato anche l’atto di informazione per la protezione dei dati (Informativa Privacy) debitamente compilato e sottoscritto.

Detta richiesta potrà essere spedita a mezzo PEC all’attenzione del Responsabile della Trasparenza di Creditfidi al seguente indirizzo: creditfidi@pec.it.

Nome del Responsabile della Trasparenza:

Cinalli Manuela – c/o Creditfidi s.c.- Piazza G. Falcone e P. Borsellino, 3 – 66100 Chieti (CH)

Tel. 0871 330270 Mail: info@creditfidi.it – pec: creditfidi@pec.it